New York e la cucina, la vita made in Usa di Andrea Zamperoni

webinfo@adnkronos.com

New York con i suoi tramonti, i suoi scorci, le sue strade affollate. Sui suoi profili social Andrea Zamperoni, il capo chef del ristorante Cipriani Dolci al Grand Central Terminal scomparso nel fine settimana, celebra spesso la città in cui vive da poco più di un anno. Su Instagram, nel suo ultimo post, che risale a tre settimane fa, il 33enne ha condiviso la foto del sole che tramonta allineandosi tra i grattacieli di Manhattan. Poi c'è il suo lavoro, la sua passione: la cucina.  

Zamperoni, che vive a Woodside nel Queens ed è originario di Casalpusterlengo in provincia di Lodi, si è trasferito nella Grande Mela ad aprile. Una città in cui gli piace vivere, come dice anche Arrigo Cipriani, con il quale il 33enne collabora dal 2008.  

I colleghi dello chef si dicono molto preoccupati per lui, che - come si legge sulla Abc - da qualche giorno non si fa vivo neanche con la madre: di solito, secondo un membro dello staff del ristorante newyorkese, parlano tutti i giorni. E poi ci sono i social, non aggiornati, e "il suo telefono spento da quattro giorni", dice il manager Fernando Dallorso.