A New York la prossima settimana atteso summit Yoon-Kishida

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 set. (askanews) - Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol e il primo ministro giapponese Fumio Kishida s'incontreranno per la prima volta la prossima settimana a margine dell'Assemblea generale dell'Onu. L'ha annunciato oggi la presidenza di Seoul.

Sarà il primo incontro al vertice tra i due paesi, entrambi alleati degli Stati uniti, da dicembre 2019. I rapporti tra Seoul e Tokyo sono piuttosto freddi a causa dei dissapori sull'eredità storica del passato coloniale nipponico che vide la Corea controllata dall'Impero nipponico tra il 1910 e il 1945.

Yoon, in particolare, si recherà martedì e mercoledì a New York, dopo aver presenziato a Londra alle esequie solenni della regina Elisabetta II e dopo aver tenuto in Canada un summit con il primo ministro Justin Trudeau, ha spiegato il consigliere di sicurezza nazionale sudcoreano Kim Tae-hyo, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Yonhap.

A margine dell'Assemblea generale, il presidente sudcoreano avrà anche un incontro con il presidente americano Joe Biden. Non sono state ancora fissate le tempistiche dei due summit.

Il vertice Yoon-Kishida ha un particolare interesse, perché il nuovo presidente sudcoreano potrebbe imprimere una svolta positiva nelle relazioni tra i due alleati in Asia orientale degli Usa, in un momento di particolare tensione regionale per la vicenda di Taiwan e per la crescente potenza militare cinese.

Tuttavia il vertice non dovrebbe entrare nella carne viva delle questioni ancora in sospeso, a partire da quella dei risarcimenti per il lavoro forzato coreano che Seoul chiede. Al momento - secondo quanto ha detto un funzionario presidenziale alla Yonhap - le diplomazie dei due paesi stanno avendo colloqui privati che non sono ancora a un livello tale da rendere necessario un intervento dei leader.

Non è stata predeterminata un'agenda dei colloqui Yoon-Kishida, per cui si potrebbe trattare di una presa di contatto che avrà valore in sé, dopo oltre due anni di buio, ma che sarà interlocutoria per i contenuti specifici.