New York Times, UE ha deciso su embargo petrolio dalla Russia

embargo petrolio russo
embargo petrolio russo

Il New York Times ha rivelato di aver appreso da autorevoli fonti europee che l’UE è pronta ad annunciare l’embargo su petrolio russo. La misura verrà votata il prossimo mercoledì 4 maggio e dovrebbe entrare in vigore nella seconda metà dell’anno.

Embargo petrolio russo, UE pronta ad annunciare la misura: “Voto mercoledì”

L’Unione Europea sembra essere ormai prossima ad annunciare l’embargo sul petrolio russo. La notizia era stata accennata da la Repubblica nella giornata di giovedì 28 aprile ed è stata confermata venerdì 29 dal New York Times. Sulla base delle indiscrezioni raccolte e diffuse dal quotidiano statunitense, pare che l’Unione Europea approverà già a partire dalla prossima settimana il provvedimento che era stato a lungo rimandato a causa della riluttanza di alcuni Paesi membri. A opporsi all’embargo, infatti, erano soprattutto gli Stati maggiormente dipendenti dalle forniture russe.

Dopo settimane di valutazioni e trattative, tuttavia, pare si sia finalmente riusciti a trovare un accordo.

Il New York Times, inoltre, ha fatto riferimento a ulteriori colloqui che si terranno nel weekend e che precederanno la stesura definitiva della proposta che dovrebbe essere votata il prossimo mercoledì 4 maggio.

Funzionari UE su embargo petrolio russo: “In vigore da settembre”

Il New York Times ha appreso le informazioni sull’embargo da funzionari e diplomatici europei coinvolti nella procedura che hanno chiesto di rimanere anonimi in quanto non autorizzati a parlare pubblicamente del delicato lavoro in corso di svolgimento.

L’approvazione dell’embargo sul petrolio russo sarà il passo più importante e significativo messo in atto dall’Unione Europea in relazione allo scoppio della guerra in Ucraina. Inoltre, il sesto pacchetto di sanzioni europee colpirà la Sberbank ossia la più grande banca russa e molti oligarchi.

A proposito dell’embargo, Repubblica ha anticipato che la misura dovrebbe entrare in vigore a partire da agosto-settembre 2022.

Le resistenze di Ungheria e Germania e le nuove fonti

Tra i Paesi membri più restii a procedere con l’embargo su gas e petrolio, figurano Ungheria e Germania. Quest’ultima importa dalla Russia circa un terzo del suo petrolio ma, infine, il Governo tedesco pare sia riuscito a trovare una soluzione al problema.

In particolare, il ministro dell’Energia tedesco, Robert Habeck, ha dichiarato: “Il problema che sembrava molto grande per la Germania solo poche settimane fa è diventato molto più piccolo. La Germania è arrivata molto, molto vicina all’indipendenza dalle importazioni di petrolio russo”.

Il New York Times, inoltre, ha precisato che le sanzioni consentiranno ai Paesi membri di chiudere i contratti attualmente in vigore con le compagnie petrolifere russe e poteranno UE a incrementare le importazioni da altre fonticome, ad esempio, da Nigeria, Kazakistan, Azerbaijan e Paesi del Golfo Persico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli