Zaia e ordinanza Veneto: "Zona arancione dietro angolo"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Vi ricordo che dietro l'angolo c'è sempre la zona arancione, se non quella rossa". Luca Zaia mette in guardia i cittadini del Veneto e invita tutti a evitare assembramenti nel weekend per andare incontro a restrizioni ancora più dure.

"La nostra ordinanza prevede aspetti che consideriamo cruciali, in estrema sintesi questa ordinanza invita a non andare a creare assembramenti -spiega il presidente della Regione-. Se vuoi passeggiare o fare attività motoria non andare in centro e non affollare le piazze. Anche se il nostro Rt è a 1,29 c'è sempre la zona arancione se non quella rossa, basterebbe andare in quella arancione per vedere bar e ristoranti chiusi, una piccola anticipazione di una cosa che abbiamo sperimentato e che si chiama lockdown".

Veneto, ordinanza Zaia: no passeggiate e negozi chiusi domenica

"Facciamo in modo che questo sia un fine settimana di civiltà e senso civico, anche una piccola azione può essere una grande azione nel rispetto del lavoro dei medici e dei pazienti che soffrono in ospedale. E' fondamentale che come cittadini ci impegniamo a non creare assembramenti", ribadisce Zaia, che invita tutti a "portare la mascherna in maniera ossessiva".

Covid Veneto, oggi 3578 nuovi casi e 52 morti: il bollettino