Zampa: "Juve-Lazio a porte aperte? Mi piacerebbe, ma ne devo parlare con il ministro Spadafora"

Omar Abo Arab

"Le cose stanno andando molto meglio. I dati ci confermano una frenata molto grande anche nell'aggressività del virus, pare essere meno pericoloso. È molto calato anche dal punto di vista dei numeri, questo però non ci deve far abbassare la guardia: il virus c'è ancora. Riaprire gli stadi? Sono i dati a decidere. Non c'è mai stata nessuna preclusione. Inizialmente eravamo preoccupati per la ripresa, che poi è arrivata. Quindi aspettiamo i dati e vediamo anche se si potrà portare gente agli stadi, con norme di sicurezza assolute. In ogni caso, il tema per ora non è stato preso per niente in considerazione". Lo aveva detto a Radio Punto Nuovo, ieri, la sottosegretaria al ministero della Salute Sandra Zampa, aprendo una breccia per quanto riguarda le speranze di rivedere i tifosi allo stadio già nel finale di questa folle stagione di Serie A.


E per lo scudetto, a meno di sorprese clamorose (e soprattutto che non spunti un positivo al covid 19 che, di fatto, bloccherebbe il campionato) la sfida è tra Juventus e Lazio. E l'auspicio della sottosegretaria Zampa è chiaro: "Mi piacerebbe che una sfida scudetto come Juventus-Lazio si possa giocare in uno stadio parzialmente aperto. Chiaramente, nel caso in cui la curva epidemiologica lo consenta e sia d'accordo anche il ministro dello Sport Spadafora".


Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juve e della Serie A!