Zampa: ordinanza Speranza distanziamento su treni non vale per Lombardia

Cro-Mpd
·1 minuto per la lettura

Roma, 1 ago. (askanews) - L'ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza che obbliga i treni ad Alta Velocità a mantenere il distanziamento sociale non estende i suoi effetti all'ordinanza della Regione Lombardia che ha cancellato il distanziamento per i posti a sedere del trasporto pubblico locale. Lo ha spiegato la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa intervistata da Radio Popolare. "In base all'ultimo decreto con il quale noi restituiamo alle regioni la possibilità di assumere decisioni diverse, l'ordinanza della "Regione Lombardia" relativa ai mezzi di trasporto regionali "andrebbe contestata", ha affermato Zampa. "Le regioni sono invitate a rispettare l'ordinanza" del ministro Speranza, ha precisato, "ma se decidono di fare diversamente possono farlo". Quindi serve un procedimento diverso? "Sì, l'ordinanza della Lombardia va contestata, impugnata, è un procedimento lungo ma a parte questo deciderà forse Boccia, sentirà il presidente della Regione". Vi aspettavate questa ordinanza lombarda, è arrivata comunicazione? "Non mi risulta, spero ci siano interlocuzioni e siano positive, probabilmente si è trattato di un equivoco, inviterei tutti a consultare il Comitato Tecnico Scientifico".