Zaniolo: parla la madre

·2 minuto per la lettura
zaniolo mamma madalina ghenea
zaniolo mamma madalina ghenea

Il triangolo formato da Nicolò Zaniolo, l’ex fidanzata incinta Sara Scaperrotta e la modella Madalina Ghenea continua a far discutere. Nelle ultime ore, la madre del calciatore ha rilasciato nuove dichiarazioni in merito al presunto flirt dell’adorato pargolo.

Zaniolo: la madre contro Madalina Ghenea

Negli ultimi giorni si è fatto un gran parlare di Nicolò Zaniolo. Il motivo non è da ricollegare alle sue imprese calcistiche, ma alla sua vita sentimentale. Fino a qualche tempo fa, il calciatore era felicemente fidanzato con Sara Scaperrotta, poi l’amore è finito. Poco dopo, il ragazzo è stato pizzicato con la modella Madalina Ghenea e il gossip è partito in un lampo. Nello stesso momento, però, Sara è tornata a parlare e ha confessato di essere incinta di Zaniolo. In questo triangolo già di per sé complicato è intervenuta anche la zia della Scaperrotta, che ha rivelato che non è la prima volta che la nipote è in dolce attesa e che il trattamento ricevuto dalla famiglia di Nicolò non è mai stato positivo. Nel frattempo, Madalina ha smentito il flirt e ha parlato di “una bella amicizia“.

La madre di Zaniolo, intervistata dal settimanale Oggi, lo stesso che per primo ha parlato della gravidanza di Sara, ha lanciato una frecciatina alla Ghenea. Il giornalista Alberto Dandolo scrive che la donna gli ha confermato di essere contraria al flirt del pargolo con la modella. “Vorrei dire a Madalina di tenere giù le mani da mio figlio!”, avrebbe tuonato la mamma di Nicolò.

La rivista aggiunge anche qualche altro dettaglio sulla vita sentimentale e professionale del calciatore. Pare, infatti, che la Roma avrebbe più volte dimostrato di essere contraria alla condotta del giovane. Si legge: “Sara e Nicolò si erano già lasciati in passato (pare ci fosse di mezzo un’altra donna) e dopo quella sbandata la Roma aveva ‘convinto’ il campioncino a fare sul serio”. Insomma, questo triangolo ha dell’assurdo, soprattutto per la quantità delle persone che ‘comanderebbero’ Nicolò.