Zaporizhzhia disconnessa da rete, danni a linee elettriche - funzionari ucraini

La centrale nucleare di Zaporizhzhia vicno alla città di Energodar

KIEV (Reuters) - Sono stati segnalati attacchi russi in vaste aree dell'Ucraina, con pesanti bombardamenti in numerose regioni che hanno danneggiato le infrastrutture, comprese le forniture di elettricità al maggiore impianto nucleare d'Europa.

Lo hanno riferito funzionari ucraini.

La centrale nucleare di Zaporizhzhia, nel sud dell'Ucraina, è stata nuovamente scollegata dalla rete elettrica dopo che i bombardamenti russi hanno danneggiato le restanti linee ad alta tensione, lasciandola con i soli generatori diesel, ha comunicato la società di energia nucleare ucraina Energoatom.

L'impianto, sotto controllo russo ma gestito da lavoratori ucraini, dispone di carburante sufficiente per 15 giorni per tenere in funzione i generatori, secondo Energoatom.

Attacchi russi sono stati segnalati anche a Kriviy Rih, nell'Ucraina centrale, e a Sumy e Kharkiv, nel nord-est. Ci sono stati inoltre pesanti combattimenti nelle regioni orientali di Lugansk e Donetsk.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)