Zaporizhzhia, partita da Kiev la missione Aiea

(Adnkronos) - Gli esperti dell'Aiea hanno lasciato Kiev per raggiungere la centrale nucleare di Zaporizhzhia, occupata dai russi nel sud dell'Ucraina, a circa 450 chilometri dalla capitale ucraina. "Passeremo lì qualche giorno", ha detto il capo dell'Aiea e della missione, Rafael Grossi, prima di lasciare Kiev con la speranza di colloqui con lo staff ucraino dell'impianto durante la visita. "Stiamo andando in un territorio occupato e questo richiede garanzie esplicite, non solo da parte russa", ma anche ucraina, ha detto, prima della partenza su un convoglio di dieci mezzi bianchi con le insegne Onu.

Il team, composto da sei-otto esperti, domani condurrà un'ispezione di uno o due giorni nel più grande impianto nucleare d'Europa, hanno detto i funzionari russi presenti nella regione di Zaporizhzhia.

Da parte sua il Cremlino ha espresso preoccupazione per le tensioni attorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. La speranza, ha detto in conferenza stampa la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, è che la visita al sito dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) "aiuti a fermare le presuntuose autorità di Kiev nella loro ricerca di provocare un disastro nucleare".