Zelensky accusa la Russia per l’interruzione dell’accordo cereali

featured 1665359
featured 1665359

Kiev, 31 ott. (askanews) –

afp 22.18

Videodoc sottotitolato

00.00.28- 00.00.53

Siamo pronti a rilasciare in mare questa nave, come tutte le altre che hanno lasciato i porti di Greater Odessa durante l’iniziativa di esportazione del grano.

Ma questa nave che porta il grano per il Programma alimentare delle Nazioni Unite

e altre navi con prodotti agricoli sono costretti ad aspettare, perché la Russia sta ricattando il mondo con la fame

00.00.54-00.01.16

La Russia è l’unica responsabile del fatto che il cibo ora diventerà più costoso

per le persone in una vasta distesa dall’Africa occidentale all’Asia orientale.

La Russia è il motivo per cui le persone, in particolare, in Etiopia, Yemen o Somalia, vengono lasciate con una catastrofica carenza di cibo

00.01.17- 00.01.37

Certo, i partner stanno cercando di convincere lo stato terrorista a rallentare un po’ il ricatto.

Ma è realistico? Finora, i fatti indicano che la leadership russa è più interessata ad esacerbare la crisi alimentare che ad attuare gli accordi firmati

ups

00.01.38 alla fine

E tra l’altro, ecco la risposta a tutti coloro che parlano di negoziati con la Russia.

Il corridoio del grano è un esempio molto specifico.

Ora ci sono 218 prove che la Russia non vuole accordi reali

Kiev, 31 ott. (askanews) –

Sono complessivamente 218 le navi “di fatto bloccate” a causa della decisione della Russia di sospendere la sua partecipazione all’accordo di esportazione sul grano. In un videomessaggio il presidente ucraino Volodymyr Zelensky punta il dito contro Mosca. “Siamo pronti a rilasciare in mare questa nave, come tutte le altre che hanno lasciato i porti di Greater Odessa durante l’iniziativa di esportazione del grano. Ma questa nave che porta il grano per il Programma alimentare delle Nazioni Unite e altre navi con prodotti agricoli sono costretti ad aspettare, perché La Russia sta ricattando il mondo con la fame”.

“La Russia è l’unica responsabile del fatto che il cibo ora diventerà più costoso per le persone in una vasta distesa dall’Africa occidentale all’Asia orientale – ha aggiunto -. La Russia è il motivo per cui le persone, in particolare, in Etiopia, Yemen o Somalia, vengono lasciate con una catastrofica carenza di cibo”.Poi ha concluso: “Ecco la risposta a tutti coloro che parlano di negoziati con la Russia. Il corridoio del grano è un esempio molto specifico. Ora ci sono 218 prove che la Russia non vuole accordi reali”.