Zingaretti: "In arrivo miliardi dall'Europa, non sprechiamo l'occasione"

webinfo@adnkronos.com

"Il virus sta portando una crisi economica e sociale drammatica, rischia di gettare nell'incertezza e solitudine milioni di persone. Per fortuna, anche grazie all'Italia, stanno arrivando decine di miliardi dall'Europa. Non va sprecata questa occasione. Questi soldi vanno spesi bene per cambiare quello che va cambiato in Italia. Se non ora, quando?". Lo dice Nicola Zingaretti, segretario Pd, a La vita in Diretta su Rai1. "Con questa massa di risorse ora è il momento di aggredire i nodi che vanno aggrediti. E io ho sempre detto - non per fare inciuci - che questo governo lo deve fare ascoltando la società ma anche le opposizioni. Non perdiamo questa occasione, non distribuiamo soldi senza un progetto. Il governo sta lavorando da questo punto di vista e mi auguro lo faccia". 

"Il mio appello - sottolinea il leader Pd - non è per chiudere un'esperienza ma perché vada avanti. Abbiamo ottenuto risultati ma non dobbiamo essere pigri. Noi dobbiamo pensare non ai partiti della maggioranza, al governo all'Italia e il tema è il lavoro, la sicurezza, la scuola che deve ripartire a settembre. Non bisogna sedersi sugli allori. Non è vero che un accordo politico garantisce la qualità di governo. Dobbiamo essere rigorosi. E il mio appello è ad essere concreti, umili e lungimiranti".  

Quanto al virus "noi dobbiamo dire la verità: gli italiani si sono comportati benissimo in lockdown, sono stati un esempio per il mondo e l'Europa. Ora in che fase siamo? Quella in cui bisogna continuare a fare tre cose: mascherine, distanza sicurezza e lavarsi mani. Chi non lo fa è un irresponsabile. La cosa più brutta che io vedo è l'illusione che nei rapporti con gli amici si possa abbassare l'attenzione. Non è così. Senza troppi drammi, queste misure vanno rispettate. Proteggersi - ricorda il segretario Dem che in passato ha contratto il virus - è un modo di proteggere se stessi e gli altri. Tutti noi potremmo essere infettati, è inutile fare gli spavaldi. E' un piccolo prezzo che va pagato, ma in gioco c'è qualcosa di enorme".