Zingaretti: basta litigi, mi fido di Di Maio e Renzi

Rea

Roma, 1 ott. (askanews) - "Il Pd testardamente cercherà di costruire l'unità del governo. Non voglio enfatizzare differenze con M5s, voglio trovare su tutti i punti un compromesso per far andare avanti l'Italia. Mi fido di Di Maio, mi fido di Renzi". Lo ha detto Nicola Zingaretti, ospite di CartaBianca su RaiTre.

Il segretario Pd liquida così Marattin che dice che è merito di Italia Viva che non si è aumentata l'Iva: "E' una bugia, non è vero". E poi spiega: "In questa dichiarazione c'è un problema di merito, perchè nessuno ha mai detto che si doveva aumentare l'Iva; e poi c'è un problema di metodo: per favore non facciamo come l'altro governo in cui ogni giorno c'era un litigio, una fibrillazione. Di Maio era un avversario, oggi è un alleato: so che dobbiamo governare l'Italia e il governo dell'Italia non permette litigi continui. E con Renzi idem. Il mio avversario politico si chiama Matteo Salvini". Zingaretti assicura dunque di fidarsi anche di Renzi "perchè credo che anche le scelte che ha fatto lui se le sentiva. Credo siano sbagliate, profondamente, ma lui se le sentiva". Ma più che altro "la mia sfida è che gli italiani si fidino del Pd e credo che gli italiani ci riconosceranno lo sforzo di salvare il Paese".