Zingaretti propone una nuova agenda Pd. Rilancia lo stop ai DL Sicurezza, sì Ius Soli e Ius Culturae

HuffPost

Dal palco di Bologna Nicola Zingaretti esorta il Pd a cambiare, a “costruire un’alternativa all’arroganza delle destre”, a dotarsi di una nuova agenda che metta al centro l’eliminazione dei decreti Sicurezza e l’introduzione di Ius Soli e Ius Culturae, oltre a un pacchetto di misure di equità fiscale. 

“La missione del Pd è mettersi al servizio per contrastare gli umori neri del Paese e organizzare il riscatto dell’Italia” ha affermato dal palco Zingaretti, parlando di un “partito diverso, ricco, inclusivo, per ricostruire una classe dirigente nazionale, in un rapporto che si è perso tra élite e popolo”.Il segretario dem si rivolge “a chi non crede nell’esperimento” del nuovo Pd: “non vi illudete, il Pd non sarà mai un partito vecchio”. E aggiunge, con un riferimento implicito a Matteo Renzi: “Non si illudano. Chi combatte il Pd per rosicchiare qualche consenso si illude e scava la fossa per sé e per tutto il centrosinistra italiano. Il Pd è destinato comunque a rimanere il pilastro contro la risorgente destra”. Il Pd vuole costruire “un campo largo” senza “alcuna chiusura e autosufficienza”.

Zingaretti parla di una nuova agenda per il Pd. “Ci battiamo perché al più presto
si rivedano i decreti Salvini, dentro questo governo come scelta di campo. Ci batteremo con i gruppi parlamentari per far approvare lo ius culturae e ius soli, certo che lo faremo”, ha dichiarato il segretario dem, proponendo poi “una legge per parità salariale tra donne e uomini, ma per raggiungere l’obiettivo e non per mettere bandierine e avere un’intervista sui giornali. Ci vuole serietà, non comizi”.

La tre giorni bolognese si è chiusa con l’Assemblea Nazionale che ha approvato a stragrande maggioranza la riforma dello Statuto Pd: 566 voti favorevoli, un voto contrario e 5 astenuti. Ecco le principali novità del nuovo Statuto del Pd:

- fissa sulla carta la natura antifascista del Pd

- nasce la piattaforma digitale...

Continua a leggere su HuffPost