Zingaretti: confronto M5s che superi differenze e trovi sintesi

Pat

Bologna, 13 set. (askanews) - "Se ricominciamo con i litigi, i distinguo, la competition a tutti i costi è evidente che non ci sarà qualità di buon governo: forse qualcuno aumenta dell'1, del 3 o del 5% i propri voti ma il paese ri-scivola in una crisi drammatica". Per il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, con gli alleati di governo si deve "aprire un processo che ci deve portare a un confronto politico che punti a superare e a non contemplare le differenze e arrivare a sintesi avanzate".

"Il Pd ha una sua rappresentanza nel governo ma io giudico la mia squadra anche i ministri del M5s - ha detto Zingaretti durante l'Incontro nazionale di Studi delle Acli a Bologna -. Abbiamo voluto interrompere quello che giudico sia stato l'errore del precedente governo, che a partire dal programma - il famoso contratto - in fondo aveva poi affastellato delle proposte diverse e forse alternative".

"Quello che dobbiamo chiedere a questo governo - ha proseguito - è quello di non riproporre un metodo di contemplazione delle differenze con gli altri e quasi guardarsi in cagnesco o aprire una competizione. Noi siamo forze nate alternative, arrivati in parlamento con due programmi alternativo. Il tema ora è non commettere l'errore fatto in 15 mesi e quindi aprire un processo che ci deve portare a un confronto politico che punti a superare e a non contemplare le differenze e arrivare a sintesi avanzate. Non è semplice ma è l'unico modo per essere utili a questo paese".