Zingaretti contro Salvini, la raccolta firme per le dimissioni

Zingaretti contro salvini

Troppe ombre, pochi fatti. Salvini dimettiti“, è con queste parole che Nicola Zingaretti ha lanciato su Facebook la raccolta firme per le dimissioni del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. L’iniziativa andrà avanti sino al 12 settembre, data nella quale è stata calendarizzata la discussione della mozione di sfiducia presentata dal Partito Democratico alla Camera. In merito alla decisione di rinviare la discussione a dopo la chiusura estiva, il Pd aveva chiesto di modificare il calendario, ma la proposta è stata rigettata.

Zingaretti contro Salvini

A tutte le federazioni e ai circoli del Pd – scrive Zingaretti – sono stati inviati i moduli per la raccolta di firme per sostenere la mozione di sfiducia che il partito democratico ha presentato in Parlamento nei confronti di Matteo Salvini” ha detto il segretario. Oltre ai moduli inviati ai circoli, le firme potranno essere raccolte anche in tutte le feste dell’Unità in programma, dove sarà anche avviata una mobilitazione popolare per sostenere la mozione di sfiducia.

La petizione di Renzi

Nella giornata di ieri, era già giunta notizia di un’altra petizione per le dimissioni di Salvini. In quel caso era però partita dai comitati civici di Renzi: “Avremmo dovuto votare prima la presenza di un ministro dell’Interno che alimenta l’odio, il rancore, la tensione, la caccia al diverso, gli insulti ai giornalisti“. Già due settimane fa, l’ex premier era in prima linea nel chiedere un passo indietro ufficiale e le dimissioni di Salvini dal Viminale. Se dunque, tutti sono d’accordo sulle dimissioni del vicepremier, si riapre la sfida interna al partito.