Zingaretti: "Covid battaglia durissima, nemico non sono le regole"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Contro il Covid "la battaglia è durissima, il virus non è stato mai sconfitto. I dati destano molta preoccupazione" anche per "la situazione di allarme rosso che riguarda l'Europa". Lo ha detto Nicola Zingaretti alla Direzione del Pd.

"Ora emerge la verità, il nemico non erano e non sono le regole ma il virus. Con le regole, sacrifici, il lavoro faticoso di tutto comparto sanità, siamo riusciti a contenere il contagio", ha spiegato il segretario del Pd.

"Attenzione - ha scandito però Zingaretti - , il livello di stress economico ma anche psicologico della popolazione è altissimo, viviamo in un tempo di insopportabile incertezza sul futuro, di paura e timore. Abbiamo su di noi impressi i segni del trauma vissuto con il lockdown".

Ma ora più che mai, secondo il segretario Dem, "serve un Paese unito per lotta a un nemico di tutti, è tempo della responsabilità collettiva che non significa scaricare sui cittadini il peso enorme della lotta al virus ma collaborare ciascuno con i propri comportamenti per sbarrare la strada al contagio. Vedremo se le decisioni prese sono sufficienti, occorre fare un appello a tutti perché anche i provvedimenti più difficili ritenuti necessari vengano rispettati in uno spirito di comunità", ha spiegato invocando una "alleanza politica con la cultura, la scuola, le imprese, i lavoratori, i mezzi di informazione affinché si costruisca insieme un messaggio di allarme che non deve trasformarsi in panico".