Zingaretti e Salvini promettono un duello TV da Massimo Giletti

zingaretti salvini giletti

Nuovo confronto televisivo in vista per il numero uno della Lega. Questa volta Matteo Salvini ha promesso di sfidare il segretario del Pd Nicola Zingaretti e lo ha fatto alla presenza di Massimo Giletti. Il presentatore, che ha ospitato entrambi i leader nel corso di una puntata di Non è l’Arena.

Zingaretti e Salvini da Giletti

A proporre uno scontro, sulla scia del successo di quello con Renzi da Bruno Vespa, è stato proprio Massimo Giletti, che ha incalzato Salvini e Zingaretti: “Un confronto televisivo qui? Promessa fatta?“. Non si tira indietro il segretario dem, che risponde: “Assolutamente sì. Siamo avversari su tutto ma ci siamo sempre detti la verità, anche quelle più dure e drammatiche”. “Quando volete” gli fa eco l’ex ministro dell’Interno, con una scelta di parole che ricorda quelle utilizzate nel dietro le quinte di Porta a porta a proposito di un possibile duello televisivo con Giuseppi Conte.

Zingaretti a Non è l’Arena

Ospite nello studio di Giletti, il leader dem ha lanciato un appello agli alleati, chiedendo un comportamento responsabile. Il riferimento è agli scontri in corso tra Pd e M5s sulla manovra economica. L’esperienza di governo “può andare avanti”, assicura Zingaretti, “ma nessuno continui o ricomincia a mettere le bandierine sulle proprie identità, perché di questo gli italiani sono stanchi. Questo è un popolo molto paziente. Ma abbiamo fatto delle promesse e gli italiani non sono coglioni, quindi ora bisogna mantenere e rispettare gli accordi, perché altrimenti si arrabbiano e, giustamente, ci sarà una rivolta“.

La replica di Salvini

Sulla poltrona di Non è l’arena si è poi seduto Matteo Salvini, che è tornato ad attaccare l’amministrazione del Comune di Roma in mano ai pentastellati. Critiche anche per le proposte avanzate dal leader dem: “Sentivo Zingaretti che parlava di piantare alberi. Se lui e Virginia Raggi si mettessero d’accordo per togliere la monnezza da Roma, sarebbe già una cosa rivoluzionaria. È difficile trovare a Roma uno spazio per piantare alberi, fra buche, spazzatura e topi. La Raggi sarà una donna bravissima a fare tante cose, ma è il peggior sindaco che Roma potesse avere in questo momento”.