Zingaretti: "Già in estate moriranno meno persone di Covid"

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·2 minuto per la lettura
(Photo: Rai3)
(Photo: Rai3)

“Grazie alla campagna di vaccinazione gia quest’estate moriranno molte meno persone”. Così Nicola Zingaretti, presidente regione Lazio a ’Mezz’ora in piu” su Rai3, parlando del Covid e della campagna vaccinale. “Grandi paesi come Gran Bretagna e Israele sono sulla strada di uscire da questa tragedia”, ha continuato il governatore. “Oggi il lazio fa 27mila vaccini al giorno. Se ci fossero più dosi potremmo triplicare le somministrazioni”, ha poi precisato.

Sul vaccino russo Sputnik ha sostenuto: ”È ovvio che prima di tutto ci vuole
l’approvazione dell’Ema e dell’Aifa. Ma se l’Europa e l’Italia dovessero valutare lo Sputnik come un vaccino utile, se Austria e Germania dovessero produrlo, io penso che, per salvare gli essere umani, dovremmo inoculare quei vaccini per salvare le vite. Se Ema e Aifa diranno sì allo Sputnik io credo che il governo italiano dovrà decidere”.

Un riferimento poi alle proteste per le riaperture. In particolare al gruppo “Io apro”. “La responsabilità non è di chi protesta ma di chi cavalca questa protesta, nella parola ‘movimenti’ c’è un po’ di tutto. Chi protesta ha paura e vuole essere ascoltato, bisogna dargli le giuste risposte”. E a Salvini manda a dire: “Riaprire senza aver sconfitto il virus non solo non è la soluzione ma è la condanna a morte delle imprese. La responsabilità è della politica che cavalca questa proteste ma non ha il coraggio di dire la verità”. “Matteo Salvini e la Lega hanno condiviso tutte le scelte fatte dal governo Draghi la differenza è tra chi ha il coraggio di dire la verità e la furbizia di chi gestisce il potere nel governo e poi va nelle piazze a dire ‘Avete ragione’. La Lega deve decidere. E assumersi le propr...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.