Zingaretti: "Mai con la destra sovranista e trumpiana, favorita da Renzi"

Lorenzo Santucci
·1 minuto per la lettura
21/01/2020 Roma. Rai. Trasmissione televisiva Porta a Porta, nella foto Nicola Zingaretti sullo sfondo un’ immagine di Renzi (Photo: Maria Laura Antonelli / AGF)
21/01/2020 Roma. Rai. Trasmissione televisiva Porta a Porta, nella foto Nicola Zingaretti sullo sfondo un’ immagine di Renzi (Photo: Maria Laura Antonelli / AGF)

Il Governissimo è fuori dai radar del Pd. Nicola Zingaretti durante il suo intervento all’Ufficio del partito ha ribadito: “Mai con la destra sovranista”.

“Le immagini di Washington ci dicono quanto pericolosa sia quella deriva. Ha vinto Biden. L’Europa sta marciando su una linea di unità e di attivo intervento positivo. Noi non ci possiamo permettere di governare con chi si è identificato con Trump ed ha costantemente manifestato un sentimento anti europeo” ha detto il segretario del Pd. “Sbagliato dopo vittoria Biden favorire scenari che ridanno fiato come è accaduto con la scelta di Renzi, agli alleati di Trump”.

“Abbiamo chiarito e dobbiamo ribadire che per noi è impensabile qualsiasi collaborazione di governo con la destra italiana, sovranista e nazionalista. Sarebbe un segnale incomprensibile in Italia, ma anche per le cancellerie europee e per l’opinione pubblica democratica europea inaccettabile”, ha spiegato il leader dem.

Sullo stesso tono di accusa contro Italia Viva si schiera anche il vicesegretario Pd, Andrea Orlando: “Con una crisi economica galoppante Iv si è assunta la responsabilità di provocare la crisi che getta il paese nell’incertezza e nella confusione. Avevamo detto che si sarebbe creata una situazione di confusione e un salto nel buio. I nostri appello non ascoltati e purtroppo questo è avvenuto”, ha detto.

Mentre Graziano Delrio, capogruppo del Pd alla Camera, ha chiesto che “come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga parlamentarizzata e che ci siano le comunicazioni”.

Più aperto alle intese con le altre forze parlamentari, invece, Dario Franceschini che è intervenuto dicendo: “Le maggioranze in un sistema non più
bipolare si cercano e si costruiscono in Parlamento, è già avvenuto due volte in questa legi...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.