Zingaretti: no a errori del passato, non basta stare al governo

Adm

Roma, 3 ott. (askanews) - Nicola Zingaretti ha scelto di non entrare al governo per rimanere alla guida del Pd, perché è fondamentale mantenere un "rapporto con il territorio" e non bisogna commettere l'"errore del passato" di pensare che essere al governo risolva tutti i problemi.

Inaugurando il circolo Pd di Casalotti, a Roma, Zingaretti ha spiegato: "Io non sono andato al governo, ho scelto di rimanere a fare il segretario del partito perché so che non c'è un buongoverno se questo non è legato a un rapporto continuo con i territori. Abbiamo bisogno di costruire quel partito utile che è anche orecchie per sentire. Il luogo fisico messo a disposizione dell'aggregazione. La democrazia, se è fatta solo di individui soli, è debole. La democrazia è forte quando le persone si organizzano".

Ha aggiunto Zingaretti: "Se la politica sale sul dirigibile e guarda le persone dall'alto non le capisce, perché non le guarda più in faccia". Bisogna essere "forti nel rapporto con il paese, con meno polemiche e più voglia di fatti". Dunque, "non dobbiamo ricommettere l'errore che talvolta abbiamo fatto di dire 'siamo al governo, è tutto risolto'. No".