Zingaretti: “Non si può andare avanti litigando tutti i giorni”

Zingaretti Conte

Nel corso di un’intervista a Mezz’ora in più, Nicola Zingaretti ha lanciato un monito a Conte e agli alleati di governo, pur ammettendo che l’attuale Premier sia molto vicino al centrosinistra di cui secondo lui è un punto di riferimento.

Zingaretti su Conte e il governo

Il concetto era già stato da lui ribadito nel corso di una precedente intervista, generando stupore e meraviglia che lui stesso ha affermato di non essersi spiegato. Il segretario dem ha infatti affermato che, nonostante non appartenga a nessun partito e agisca in autonomia, il Presidente è un pezzo importante del campo del centrosinistra. Ha poi ribadito che la sua presenza è fondamentale per costruire un polo alternativo alle destre che si sono riunite a Piazza San Giovanni e hanno riconosciuto Salvini come loro leader, citando le parole di Berlusconi. “Abbiamo il dovere etico e morale di fermarli con il buon governo“, ha dichiarato.

Nonostante gli apprezzamenti e la vicinanza, Zingaretti ha però avvisato Conte e gli alleati. Consapevole della difficoltà di andare avanti con una maggioranza che litiga ogni giorno, ha invitato tutti i membri del governo a considerarsi alleati e non avversari. Si è poi detto preoccupato del costo dell’incertezza e intento a proseguire con questo governo a patto che sia di qualità.

Per questo si è auspicato che la verifica e la ridefinizione dell’agenda di governo proposte da Conte possano essere un punto di partenza per lenire le litigiosità e concentrarsi su un programma per l’Italia. Un piano che non sia di titoli ma di provvedimenti e azione, ha sottolineato. Altrimenti per lui la strada è una sola. “Se dobbiamo far finta lasciamo stare“, ha infatti concluso.