Zingaretti: picconate al Pd aiutano Salvini, basta liti e polemiche

Rea

Roma, 29 ott. (askanews) - "Di fronte ad una forza oggettiva della destra in Umbria, senza quel patto la situazione sarebbe stata molto, molto peggiore". In futuro "ogni regione sceglierà la soluzione migliore" sapendo che "il problema non è il destino del Pd, ma quello del Paese e dei territori: dobbiamo trovare le alleanze che consentano di fare le politiche giuste". Lo ha detto il segretario Pd Nicola Zingaretti, ospite di Sky Tg24.

Anche dopo il voto in Umbria, in ogni caso, "il Pd si conferma il baluardo indispensabile ma non sufficiente per fermare la destra, e ogni picconata al Pd è un aiuto a Salvini e alle destre". Il punto è che "non si governa da avversari ma da alleati. Dobbiamo fare i fatti. Abbiamo deciso al 100% di governare per tre anni con questa alleanza. Sono d'accordo, ma devono smetterla di creare polemiche tutti i giorni, perchè gli italiani non ne possono più. Non si può dire stiamo insieme ma da avversari perchè questo non è credibile e dà a Salvini una grande forza".

Conte è la persona giusta per guidare il governo? "Sì, penso di sì", ha risposto Zingaretti, ricordando come il Pd avesse chiesto di trovare un'altra figura, ma poi "tutte le forze politiche hanno detto ok a Conte e ora Conte è il nostro presidente del Consiglio".

Infine, i rapporti con gli alleati: "L'ho letta sui giornali ma non è vero, non ho sentito Di Maio. Così come non c'è stata occasione di sentirci con Renzi".