Zingaretti propone la sindaca di Marzabotto alla presidenza del Pd

sindaca Marzabotto presidenza Pd

“All’assemblea nazionale del partito di sabato proporrò come presidente una giovane donna, Valentina Cuppi, sindaca di Marzabotto. Credo che Valentina possa rappresentare al meglio il percorso di apertura che stiamo costruendo” annuncia così il segretario Pd, Nicola Zingaretti la possibile presidenza del pd da parte della sindaca di Marzabotto. “Se Valentina verrà eletta presidente, sarà affiancata dalle vicepresidenti Anna Ascani e Debora Serracchiani e per la prima volta al vertice del partito ci saranno tre donne”. Aggiunge: “Credo che Valentina Cuppi possa rappresentare al meglio il percorso di apertura che stiamo costruendo insieme a tutta la nostra meravigliosa comunità democratica, agli iscritti e a chi guarda dall’esterno al lavoro che stiamo facendo per coinvolgere le persone nel progetto di rinascita dell’Italia”.

La sindaca di Marzabotto alla presidenza del Pd

Valentina Cuppi ha 36 anni, viene da Sel e ha vinto le ultime elezioni amministrative nel maggio 2019 raggiungendo il 71% dei consensi. La Cuppi ha vinto le comunali guidando un’alleanza civica di centrosinistra, dopo una lunga esperienza nell’amministrazione, dapprima come consigliera con delega alla Pace e alla Memoria, poi come vicesindaca e assessora a Cultura e Turismo. Scrive di sé stessa: “La mia formazione, liceo scientifico-linguistico, una laurea triennale in Filosofia politica, una specialista in scienze filosofiche ed un Dottorato di ricerca in Scienze politiche, l’ho sempre messa al servizio della bella politica che serve ad amministrare questo territorio ricco di storia, cultura e valori. Sono stata educatrice per tanti anni a Marzabotto ed ora lavoro come professoressa di Storia e Filosofia. Lavorare con i bambini e con gli adolescenti regala uno sguardo particolarmente attento ai loro bisogni, per questo come volontaria, poi nel mio ruolo di assessore, ho voluto creare occasioni di crescita culturale e civica, con laboratori, viaggi, incontri che li portassero a divenire cittadini attivi e consapevoli”.