Zingaretti: "Salvini venga in aula o non gli daremo tregua"

Red/Int5


“Sia chiaro che non daremo tregua a Salvini, finché lui o Conte non verranno in aula a riferire nella sede propria la loro versione”. Così il segretario del Pd Nicola Zingaretti in un’intervista al quotidiano La Repubblica, sulla vicenda dei fondi russi alla Lega.

“La procura e non la politica -prosegue Zingaretti - dovrà accertare la verità sulla tangente da 65 milioni alla Lega trattata da uno stretto collaboratore del ministro degli Interni. Il quale però, in maniera goffa, ha preso le distanze da questo signore quasi non lo conoscesse, smentito da centinaia di foto ed eventi. Davvero credono che si possa discutere di un decreto sicurezza promosso da un ministro che dice bugie?”.

LEGGI ANCHE: Redditi dei politici, ecco il più ricco... e il più povero

E sul fatto che Conte smentisce Salvini su Savoini ma sulle sanzioni alla Russia la pensa come lui, spiega: “Se il primo ministro si illude di lavarsi le mani indicando nel suo ministro il responsabile del falso, non ha capito che si sta dando la zappa sui piedi. Le responsabilità del governo sono palesemente comuni. Il presidente Fico e la presidente Casellati come possono pensare che il Parlamento non sia informato?”.