Zlatan Vasiljevic è stato trovato morto: era il killer dell'omicidio di Vicenza

Zlatan Vasiljevic
Zlatan Vasiljevic

Si chiamava Zlatan Vasiljevic il folle uomo bosniaco di 42 anni autore del terribile doppio omicidio prima contro l’ex moglie Lidia Miljkovic e poi contro l’attuale compagna a Vicenza. L’uomo era già noto alle forza dell’ordine per aver maltrattato Lidia più volte.

Omicidio di Vicenza, chi era Zlatan Vasiljevic

Zlatan, originario di Doboj, nel territorio della Repubblica Serba della Bosnia Erzegovina,viveva in Veneto ormai da moltissimi anni. Era un camionista, ma di recente aveva perso il lavoro ed era rimasto disoccupato. Una condizione che aveva peggiorato il suo stato di alcolista. Nel 2019 era stato arrestato dai carabinieri di Altavilla, per i continui maltrattamenti contro l’ex moglie Lidia Miljkovic. All’arresto era seguito il divieto di avvicinamento che non ha impedito a Zlatan di uccedere la donna.

La vita con Lidia e i maltrattamenti

Zlatan e Lidia si erano sposati nel 2005 e avevano avuto due bambini, il più grande nato nel 2006 e il più piccolo nato nel 2008. Le cose tra i due iniziarono a non andare bene e l’uomo, spesso inebetito dall’alcol si rendeva sempre più aggressivo. Nell’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale nel 2019, si legge: “La perseveranza mostrata da Vasiljevic, unitamente all’abuso di alcolici e alla sua incapacità di controllarsi, nemmeno di fronte ai figli minori, costretti ad assistere alle continue vessazioni ai danni della madre, consente di ritenere altamente verosimile il verificarsi di nuovi episodi di violenza.” Parole che lette alla luce di quanto è successo successivamente mettono davvero i brividi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli