Zona bianca Sardegna, Friuli e Molise dal 31 maggio: ordinanza e regole

·1 minuto per la lettura

Zona bianca per Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise da lunedì 31 maggio, con nuove regole, riaperture secondo le linee guida del Cts e abolizione del coprifuoco. E' stata firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, l'ordinanza che dispone il passaggio delle 3 regioni nella fascia più 'aperta', come annunciato ieri sulla base degli ultimi dati della Cabina di regia su Covid-19. Tutte le altre regioni, invece, sono in zona gialla, con coprifuoco dalle 23 alle 5. Da martedì 1 giugno, anche in zona gialla nei bar e nei ristoranti via libera ai clienti all'interno, a pranzo e cena. Ok anche al caffè al bancone, sempre nel rispetto del distanziamento.

Dopo l'ordinanza di Speranza, il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga si accinge a firmare un'ordinanza per formalizzare la riapertura anticipata di molte attività a partire da lunedì 31 maggio.

Si tratta nello specifico di ristoranti, parchi tematici e di divertimento, anche temporanei (attività di spettacolo viaggiante, parchi avventura e centri d'intrattenimento per famiglie); piscine e centri natatori in impianti coperti; centri benessere e termali; feste private anche conseguenti alle cerimonie civili e/o religiose all'aperto e al chiuso; fiere (comprese sagre e fiere locali), grandi manifestazioni fieristiche, congressi e convegni; eventi sportivi aperti al pubblico, diversi da quelli di cui all'articolo 5 del decreto legge 52/2021, che si svolgono al chiuso; sale giochi e scommesse, sale bingo e casinò; centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; corsi di formazione.