Zona euro, ripresa inflazione dovuta anche a cause strutturali - De Guindos

·1 minuto per la lettura
Diverse bandiere Ue davanti la Commissione europea a Bruxelles

FRANCOFORTE (Reuters) - A monte della recente impennata dell'inflazione nella zona euro ci sono anche motivi di natura strutturale come le difficoltà di approvvigionamento, per questo motivo la Bce deve monitorare con attenzione che non emergano effetti 'second round' sulla dinamica dei salari.

Lo dice il numero due dell'istituto centrale di Francoforte Louis De Guindos nel corso di un evento spagnolo.

"L'aumento dell'inflazione riflette non soltanto gli effetti base: comprende una componente che avrà un impatto più strutturale. Quest'ultimo si è rivelato maggiore di quanto pensassimo qualche mese fa".

Tra gli elementi 'strutturali' che surriscaldano l'inflazione il vicepresidente Bce cita i cosiddetti 'colli di bottiglia' dal lato dell'offerta, distorsioni dei prezzi sul mercato di merci e servizi insieme al rincaro dei costi energetici.

(In redazione a Milano Alessia Pé, Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli