Zona euro si concentra su inflazione, prospettive economiche in peggioramento

Dettaglio di una bandiera dell'Unione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - All'Eurogruppo odierno i ministri delle Finanze della zona euro indicheranno con ogni probabilità che l'attuale priorità è la lotta contro l'inflazione nonostante il rallentamento della crescita, come riferito da alcuni funzionari, che verranno aggiornati sul deterioramento delle prospettive economiche.

Durante la riunione, la Commissione europea dovrebbe fornire un aggiornamento sulle sue previsioni economiche che mostreranno con ogni probabilità una crescita più lenta e un aumento dell'inflazione.

I ministri si concentreranno sulla lotta ai prezzi al consumo, indicando la volontà di prendere ulteriormente le distanze dal massiccio stimolo economico offerto durante la fase acuta della pandemia.

Dovrebbero inoltre mettere nero su bianco un allontanamento "dalla necessità di aiutare l'economia", come riferito da un funzionario, ricalcando la raccomandazione dello scorso giugno dell''European fiscal board' (Ebf) per "una politica di bilancio moderatamente restrittiva" per il prossimo anno.

L'Ebf, la cui raccomandazione sarà discussa dai ministri oggi, ha esortato alla prudenza in termini di bilancio soprattutto gli Stati con un debito elevato, come Italia, Grecia e Francia.

La discussione sulla posizione di bilancio per il 2023 giunge prima della stesura delle leggi di Bilancio nazionali per il prossimo anno.

L'impegno per tenere a bada l'inflazione, in linea con la stretta monetaria da parte della Banca Centrale Europea, arriva tuttavia in un contesto in cui si prevede un ulteriore calo della crescita economica.

La Commissione è pronta a rivedere nuovamente al ribasso le proprie previsioni per la zona euro giovedì quando pubblicherà le nuove stime, hanno detto i funzionari.

A maggio, la Commissione aveva tagliato le previsioni di crescita per il blocco al 2,7% per l'anno in corso dal 4,0% previsto a febbraio e al 2,3% per il 2023 dal 2,7%.

Destinate a essere riviste al rialzo anche le previsioni sull'inflazione rispetto al 6,1% previsto dalla Commissione a maggio per quest'anno, che già rappresentava un notevole aumento rispetto al 3,5% stimato in precedenza.

Anche il Fondo Monetario Internazionale aggiornerà i ministri della zona euro sullo stato dell'economia del blocco.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Sara Rossi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli