Zona gialla, altre quattro regioni dal 20 dicembre: quali sono le regole in vigore

·1 minuto per la lettura
zona gialla regole
zona gialla regole

Con i contagi e i ricoveri in aumento, altre quattro regioni sono finite in zona gialla (Veneto, Liguria, Trentino e Marche): quali sono le regole in vigore in questa fascia e cosa cambia rispetto alla zona bianca?

Zona gialla: le regole

La differenza principale con quest’ultima riguarda le mascherine, che quando una regione torna gialla vanno indossate obbligatoriamente anche all’aperto. Per quanto riguarda gli spostamenti, tutti potranno uscire dalla propria regione sia con il green pass che senza.

Quanto a bar e ristoranti, i possessori del super green pass (guariti e vaccinati) potranno consumare sia al chiuso sia all’aperto. Senza questo certificato la consumazione è invece possibile solo negli spazi aperti.

Allo stesso modo è necessario il pass rafforzato per poter accedere a teatri, cinema, discoteche e concerti al chiuso che restano con capienza al 100%, mentre servirà quello base per recarsi in terme (per i livelli essenziali di assistenza e le attività riabilitative o terapeutiche non serve alcuna certificazione), palestre, sale gioco, sale scommesse, bingo, casinò, parchi tematici e di divertimento, musei, mostre e altri luoghi della cultura.

Quanto a stadi e palazzetti, l’ingresso è consentito solo con il super green pass: la capienza è fissata al 60% al chiuso e al 75% all’aperto.

Zona gialla: le regole per i negozi

Per quanto riguarda gli esercizi commerciali, tutti possono rimanere regolarmente aperti senza restrizioni così come parrucchieri e centri estetici, anche nei weekend e senza necessità di pass per accedervi. Allo stesso modo scuole di primo e secondo grado e università (si può entrare solo con il green pass base) restano aperte e in presenza, al 100%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli