Zona gialla, arancione, rossa: cosa cambia e quasi sono le regole per i non vaccinati

·3 minuto per la lettura
- (Photo: Tino RomanoANSA)
- (Photo: Tino RomanoANSA)

Bianco, giallo, arancione, rosso. Davanti all’avanzare dei contagi e all’aumento di ospedalizzazioni e ricoveri in terapie intensive e aree mediche, sono diverse le Regioni che si preparano a cambiare colore. Ma cosa cambia in sostanza per i cittadini, soprattutto per quelli ancora non vaccinati e quindi sprovvisti di Green pass rafforzato?

Zona bianca e gialla: poche differenze

Con le nuove misure imposte dal governo nelle ultime settimane per contrastare la quarta ondata, le differenze tra zona bianca e gialla si sono progressivamente assottigliate. L’obbligo di mascherina anche all’aperto è ormai in vigore in tutta Italia e per accedere a mezzi pubblici, treni, aerei, cinema, teatri è necessario indossare la Ffp2.

Per quanto riguarda l’accesso ai luoghi pubblici con certificazione verde, fino alla cessazione dello stato di emergenza (che al momento è fissato al 31 marzo), il decreto Natale prevede in zona bianca e gialla:

- obbligo di Green Pass rafforzato (ottenibile solo da chi è vaccinato o guarito) applicato alla ristorazione per il consumo anche al banco in bar e ristoranti;

- obbligo di Green Pass rafforzato al chiuso per piscine, palestre e sport di squadra, ma anche per musei e mostre;

- obbligo di Green Pass rafforzato al chiuso per i centri benessere, centri termali (salvo che per livelli essenziali di assistenza e attività riabilitative o terapeutiche), parchi tematici e di divertimento, per centri culturali, centri sociali e ricreativi (esclusi i centri educativi per l’infanzia) al chiuso e per sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò.

Inoltre è stato stabilito che, fino al 31 gennaio 2022, sono vietati gli eventi, le feste e i concerti che implichino assembramenti in spazi all’aperto. Chiuse le sale da ballo, discoteche e locali assimilati, dove si svolgono eventi, concerti o feste aperti al pubblico. Gli spostamenti con mezzi propri sono liberi in zona bianca così come nella gialla. I divieti si fanno più stringenti in zona arancione.

Zona arancione: ulteriori restrizioni per chi non ha il Green pass rafforzato

Coloro che non sono in possesso di Green pass rafforzato (ottenibile solo da chi è vaccinato o guarito) in zona arancione devono affrontare ulteriori divieti:

- non possono uscire dal proprio comune di residenza se non per motivi di “lavoro, necessità, salute o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio comune”. Via libera invece agli spostamenti da comuni di massimo 5.000 abitanti, verso altri comuni entro i 30 km, eccetto il capoluogo di provincia;
- non possono accedere agli impianti di risalita delle piste da sci;
- non possono accedere ai centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi;
- non possono prendere parte a corsi di formazione in presenza;
- non possono praticare gli sport di contatto.

Bar e ristoranti sono aperti solo a chi ha il Super green pass, non per chi ha il certificato base ottenuto grazie a un tampone.

A questo link è disponibile la tabella con tutte le attività consentite zona per zona.

Zona rossa

Si tratta dell’extrema ratio. In rosso, infatti, finiscono le Regioni con un’occupazione delle terapie intensive pari al 30% e dei posti di area medica che raggiunge il 40%. Numeri altissimi. Ma, all’atto pratico, il passaggio in cosa si tradurrebbe per i cittadini? Le restrizioni sarebbero diverse ed estese.

Non si potrebbe uscire dal Comune di residenza se non per comprovati motivi di lavoro, necessità o urgenza. Ristoranti e bar sarebbero chiusi: consentito soltanto l’asporto e la consegna a domicilio. Resterebbero chiusi tutti i negozi, esclusi quelli con codice Ateco consentito (per esempio: alimentari, supermercati, farmacie, edicole, tabaccherie e abbigliamento per bambini).

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli