Zona gialla Marche, Liguria, Veneto e Trento da 20 dicembre: ordinanza

·1 minuto per la lettura

Marche, Liguria, Veneto e provincia di Trento in zona gialla da lunedì 20 dicembre. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l'ordinanza con cui si sancisce il passaggio per rischio Covid dalla zona bianca alla nuova fascia. In zona gialla sono già presenti Friuli Venezia Giulia, Calabria e la provincia di Bolzano.

VENETO - "Oggi presentiamo un provvedimento, un’ordinanza, che anticipa la zona gialla", annuncia il governatore del Veneto, Luca Zaia, prima dell’eventuale ordinanza del ministro della Salute. Roberto Speranza. L'ordinanza regionale entrerà in vigore da stanotte alle 24 fino a domenica 16 gennaio. "E' un periodo cruciale, se siamo fortunati superiamo il picco tra la fine di dicembre e la prima giornata di gennaio. La giornata di oggi corrisponde al picco raggiunto lo scorso anno", spiega Zaia facendo riferimento ai dati della regione.

MARCHE - Nelle Marche, come nelle altre regioni in zona gialla, da lunedì scatta l'obbligo di mascherina all'aperto. “Questo passaggio – spiega il governatore -, in base all’andamento dell’incremento dei ricoveri in area medica, era previsto per lunedì 27 ma nelle giornate di mercoledì e di ieri si è registrata una forte accelerazione dell’incidenza, superando il fatidico 15% che ci consentiva di restare in zona bianca. In due giorni abbiamo registrato un incremento superiore a quello di una settimana intera".

"Ricordo a tutti i cittadini che con la normativa attuale nella zona gialla è obbligatorio indossare sempre la mascherina, anche all’aperto, non ci sono limiti agli spostamenti e non c’è il coprifuoco. Raccomando a tutti di prestare sempre la massima attenzione e di rispettare le regole di distanziamento e corretta igiene delle mani, soprattutto in questa fase di aumento dei contagi”, aggiunge.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli