Zona gialla, riaperture e coprifuoco: nuovo round Salvini-Letta

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Continua il confronto a distanza tra Matteo Salvini ed Enrico Letta su riaperture e coprifuoco mentre, con il ripristino della zona gialla, scattano nuove regole per spostamenti, scuola, ristoranti. Ieri il segretario del Pd è stato netto. "E' successo una sola volta e non deve succedere più che un partito dentro la maggioranza non voti come la maggioranza" ha detto a 'Mezz'ora in più' sull'astensione della Lega in relazione al decreto riaperture. Se la Lega "non vuole stare al governo non stia al governo".

Salvini oggi ha replicato ospite di Rtl 102.5: "Lega fuori dal governo? Ho tutta l'intenzione di stare dentro, per le nostre idee e le nostre battaglie, qualcuno ci vorrebbe fuori, come il Pd di Letta". Poi parlando con i giornalisti a margine di un pranzo in un locale a Milano ha rincarato: "Letta ha detto 'Lega dentro o fuori'? Ma chi è il Pd, chi è il Pd. Noi portiamo un contributo leale e costruttivo".

A stretto giro Letta a radio Immagina ha scandito che "quando si sta al governo i discorsi che si fanno poi hanno delle conseguenze e alle parole poi devono seguire i fatti. Ieri quando ho detto o si sta al governo o all'opposizione dico una cosa che secondo me è legata alla bontà del lavoro che dobbiamo fare insieme per i prossimi due anni, credo che sarebbe un bene per tutti. Non apro polemiche per visibilità, ma nell'interesse di questa avventura di governo di unità nazionale".

E parlando della raccolta di adesioni promossa dal leader della Lega contro il coprifuoco ha sottolineato: "Ho visto che Salvini sta facendo una campagna che va oltre la legittima e normale discussione politica. Quando si fa una petizione contro una decisione che il governo ha assunto e di cui si fa parte, poi succede che la Meloni lo prende sul serio e ora vedremo che fa Salvini...".