Zona gialla, Sebastiani: "Regioni a rischio in ritardo con vaccini"

·1 minuto per la lettura

Le regioni a rischio di passare in zona gialla sono agli ultimi posti per numero di vaccinazioni. A rilevarlo è il ricercatore del Cnr, Giovanni Sebastiani. "Al momento ci sono 5 tra regioni e province autonome - evidenzia il ricercatore all'Adnkronos Salute - che sono in crisi. Tre sono già ad alto rischio di zona gialla per via del numero delle ospedalizzazioni che sono la Sicilia (che stando al dato di ieri ormai è già gialla), la Calabria (14% occupazione posti letto ordinari e 6% per le terapia intensiva) e la Sardegna (10% ordinari e 9% terapia intensiva)".

"Poi - prosegue Sebastiani - ci sono le province autonome di Trento e Bolzano che non hanno al momento problemi di ospedalizzazione, comunque in crescita, ma sono quelle che hanno registrato le impennate di contagio maggiori nelle ultime due settimane. E di queste 5 regioni e province autonome 4 occupano gli ultimi posti per copertura vaccinale". Quindi, conclude Sebastiani "non è una dimostrazione matematica ma c'è certamente una grossa influenza della vaccinazione sui dati che mettono in crisi le regioni". Poi, come nel caso della Sardegna che "sta un po' più su nella classifica delle vaccinazioni, possono pesare anche altri elementi come il grande afflusso turistico".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli