Zona rossa Campania, Di Maio: "Ospedali al collasso, ora si agisca"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"In Campania le strutture sanitarie sono al collasso", questo "è il momento di agire, è finito il tempo delle chiacchiere. Io rispetto le regioni e i comuni, ma quando sentiamo minimizzare, quando vediamo che la situazione è fuori controllo lo Stato centrale deve agire e lo faremo come sempre fatto. La sanità è in difficoltà in tutto il centro sud, lo era anche prima del Covid", complice "i tagli lineari" subiti negli "ultimi 10 anni. Ma se adesso i Pronto soccorso non stanno funzionando, se le persone muoiono in ambulanza perché non sanno in quali ospedali portarli, allora l'esercito e la Protezione civile devono andare in rinforzo ai medici e agli infermieri" campani, "ormai allo stremo". Così il ministro Luigi Di Maio, in una diretta su Facebook.

"Io ho un enorme rispetto delle istituzioni, ma se sul territorio non ce la fanno devono dire che il governo li deve aiutare altrimenti si è disonesti con i cittadini. Il ministro Speranza ha tutta la mia fiducia, ma se vedo file di 30 persone fuori dagli ospedali e gente morire nei pronto soccorso allora si devono dichiarare le zone rosse dove gli ospedali sono fuori controllo".

"Io credo nella collaborazione istituzionale, ma non se ne può più di enti locali che impugnano" le decisioni del governo: "Noi non abbiamo nessun interesse a tenere chiuso il Paese". Le "immagini terribili" che arrivano dalla Campania "spero possano servire a cambiare passo, ad applicare in Campania quelle misure adottate in altre parti d'Italia che hanno frenato" la corsa del virus, inducendo ad "adottare decisioni giuste per quel territorio".