Zona rossa, Di Maio: "Misure più rigide come chiede Cts"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Zona rossa, servono misure più rigide come indicato dal Cts anche prima del varo del nuovo Dpcm. Luigi Di Maio sposa la linea del Comitato tecnico scientifico e sottolinea la necessità di restrizioni e regole rigide per contrastare la diffusione del coronavirus e in particolare delle varianti covid. " Nelle ultime 24 ore in Italia abbiamo registrato oltre 20mila nuovi casi, con un tasso di positività che sale al 7.6%. Aumentano di nuovo i ricoverati in terapia intensiva e piangiamo complessivamente quasi 100mila vittime. Con questi numeri servono misure più rigide, come sta chiedendo anche il comitato tecnico scientifico", dice il ministro degli Esteri. Il Cts, prima del Dpcm in vigore dal 6 marzo, ha sottolineato l'opportunità di far scattare la zona rossa in automatico dove si verificano 250 casi di Covid ogni 100mila abitanti. Secondo il Dpcm, il potere di adottare la zona rossa nelle aree ad alta incidenza resta attribuito ai governatori. Per gli esperti, la chiusura della scuola nelle aree in cui il virus è particolarmente diffuso va abbinata a misure più restrittive in genere. Il ministro della Salute. Roberto Speranza, oggi ha affermato a Mezz'ora in più che "sulla base dei dati mi aspetto che nelle prossime settimane l'impatto di questa variante inglese possa far crescere la curva, mi aspetto regioni che possono andare verso la zona rossa. Mi aspetto che le ordinanze possano essere ancora di natura restrittiva".

Per Di Maio, il contrasto alla pandemia deve essere la priorità di tutti. "Questo - aggiunge - vuol dire anche che come governo dobbiamo subito individuare e mettere in campo gli interventi economici per compensare gli effetti delle nuove restrizioni. Velocità e decisione sono fondamentali. Purtroppo, come stiamo vedendo anche in questa nuova fase politica, non ci sono alternative a misure più rigide, perché se è vero che ci siamo abituati alla convivenza con il virus, è altrettanto vero che questa ondata è provocata da nuove varianti che stanno preoccupando tutta Europa e vanno contenute. Ed è per questo che non possiamo abbassare la guardia o lasciarci distrarre da questioni secondarie".

"Serve che tutte le forze politiche si concentrino sulla gestione della crisi sanitaria da ogni punto di vista. Il contributo responsabile e deciso di tutti i livelli istituzionali e politici è l’unica strada che abbiamo per uscire da questa fase drammatica. Nessuno può permettersi di scegliere: la strada da seguire è già tracciata ed è obbligatoria. Rimaniamo uniti, lo dobbiamo alla nostra Nazione", conclude Di Maio.