Zone bianche, accolte le proposte delle regioni sul limite dei posti al ristorante

·1 minuto per la lettura
riaperture persone tavolo
riaperture persone tavolo

Il governo ha accolto le proposte delle regioni in merito ristoranti nelle zone bianche e ha esteso il limite massimo di persone al tavolo a otto per le aree al chiuso, togliendo invece ogni limitazione per le zone all’aperto. Originariamente il limite era di quattro persone non conviventi, norma che tuttavia era stata criticata dai due sottosegretari al ministero della Salute Andrea Costa e Pierpaolo Sileri. Per quanto riguarda le zone gialle il governo si riserva di decidere dopo due settimane di sperimentazione.

Riaperture, limite di otto persone per tavolo al chiuso

Per il momento il divieto è stato eliminato all’aperto soltanto nelle zone bianche, mentre per quanto riguarda gli spazi al chiuso permane ancora la cautela di chi all’interno dell’esecutivo vorrebbe continuare a mantenere le restrizioni attuali. Quello appena trovato sul tetto massimo di otto persone è dunque un compromesso tra le parti, con la precisazione che a condividere lo stesso tavolo potranno essere otto persone appartenenti, al massimo, a due diversi nuclei familiari.

Limite di otto persone al tavolo, i commenti dei presidenti di regione

In precedenza diversi presidenti di regione si erano espressi in maniera sfavorevole al limite delle quattro persone sedute al tavolo, come ad esempio Giovanni Toti: Il limite dei quattro posti a tavola nei ristoranti? Un’assurdità! I numeri della pandemia calano in tutto il Paese, si svuotano gli ospedali: ogni limitazione delle libertà adesso è fuori luogo e priva di fondamenti scientifici. Usciamo dalla narrazione dell’emergenza ed entriamo in quella della ripartenza”.

Dello stesso parere anche il presidente del Veneto Luca Zaia, che ha dichiarato: “Dire che al ristorante debbano esserci al massimo quattro persone al tavolo, mi sembra quantomeno esagerato, soprattutto in zona bianca”.

Limite di otto persone al tavolo, parlano i sottosegretari alla Salute

Nella giornata di ieri anche il sottosegretario al ministero della Salute Andrea Costa aveva criticato il limite delle quattro persone al tavolo: “Per ristoranti all’aperto in zona bianca si arrivi a togliere il vincolo del limite massimo di quattro persone al tavolo, per i locali al chiuso si restrizione iniziale, purché sia graduale”.