Zone rosse, è polemica. Parla Speranza: "Chiudere tutto ha salvato il Paese"

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Zone rosse, è polemica. Parla Speranza: "Chiudere tutto ha salvato il Paese" (Photo by Marco Cantile/LightRocket via Getty Images)
Zone rosse, è polemica. Parla Speranza: "Chiudere tutto ha salvato il Paese" (Photo by Marco Cantile/LightRocket via Getty Images)

Il ministro della Salute Roberto Speranza, in un’intervista al Corriere della Sera, non ha dubbi: “Chiudere tutto è stata una scelta giustissima che ha salvato il Paese e risparmiato vite”. Speranza ha invitato anche a prepararsi ad un 'autunno di resistenza', perché il virus non è scomparso, e ha sollecitato i ragazzi alla cautela e al rispetto delle regole base, perché tutte le scuole dovranno riaprire il 14 settembre, e i sacrifici loro richiesti hanno questo obiettivo.

GUARDA ANCHE - Chi è Roberto Speranza?

"Il 14 settembre - ha dichiarato Speranza - le scuole devono riaprire tutte, al 100%", l'obiettivo "irrinunciabile" è il ritorno sui banchi "e poiché il rischio zero non esiste, dobbiamo essere cauti altrove e scegliere a cosa rinunciare". Dieci milioni tra ragazzi, insegnanti e genitori che tornano a spostarsi non devono far paura, ha spiegato, ma è un numero che costringe ad essere ancora più prudenti su altri aspetti, per accumulare ancora un po' di vantaggio in vista della riapertura.

Niente campionato di calcio? "Con tutto il rispetto, tra accompagnare mio figlio allo stadio e portarlo a scuola, preferisco la seconda. Deve fare la quinta elementare e voglio che la faccia in presenza, come tutti gli studenti", ha aggiunto .

"Capisco il disagio - ha detto il ministro della Salute - e non voglio apparire un maestrino, ma i sacrifici che chiedo ai ragazzi sul metro di distanza nei treni o sulla movida hanno la scuola come obiettivo di fondo. Non mi parlate di altro. In fondo ai giovani non chiediamo di non uscire di casa, chiediamo solo di indossare le mascherine, lavarsi le mani, stare a distanza ed evitare assembramenti. Una cosa compatibile con il godersi l'estate".

"L'età media dei contagiati - ha avvertito - sta drammaticamente scendendo sotto i 40 anni. È normale che i più giovani si sentano più forti, ma chi porta il virus a casa rischia di fare danni veri alle persone fragili". E non ci si può permettere una nuova chiusura: "Un altro lockdown sarebbe un danno enorme e dobbiamo evitarlo più di ogni cosa".

GUARDA ANCHE - I 5 misteri del virus