Zone rosse, le regole

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Per le regioni in zona rossa, considerate ad alto rischio, sono previste misure anti-Covid più restrittive rispetto al resto d'Italia. "Tutte le regioni sono classificate a rischio alto o a rischio moderato con alta probabilità di progressione verso il rischio alto. Tecnicamente ci troviamo in una fase di mitigazione", ha detto oggi il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro. La cabina di regia valuta oggi i dati relativi alla Campania, attualmente zona gialla, e non sono escluse misure ad hoc per aree subregionali.

Ecco, in base alle misure inserite nell'ultimo Dpcm, che cosa si può fare e che cosa non è consentito nelle zone rosse.

- È vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute; vietati gli spostamenti da una Regione all’altra e da un Comune all’altro.

- Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni. Chiusura dei negozi, fatta eccezione per supermercati, beni alimentari e di necessità. Restano aperte edicole, tabaccherie, farmacie e parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici.

- Didattica a distanza per la scuola secondaria di secondo grado, per le classi di seconda e terza media. Restano aperte, quindi, solo le scuole dell’infanzia, le scuole elementari e la prima media. Chiuse le università, salvo specifiche eccezioni.

- Sono sospese tutte le competizioni sportive salvo quelle riconosciute di interesse nazionale dal CONI e CIP. Sospese le attività nei centri sportivi. Rimane consentito svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto in forma individuale. Sono chiusi musei e mostre; chiusi anche teatri, cinema, palestre, attività di sale giochi, sale scommesse, bingo, anche nei bar e nelle tabaccherie.

- Per i mezzi di trasporto pubblico è consentito il riempimento solo fino al 50%, fatta eccezione per i mezzi di trasporto scolastico.