Zone rosse a livello locale: dove si trovano

·2 minuto per la lettura
Mini zone rosse locali
Mini zone rosse locali

Nonostante la maggior parte dell’Italia sia in zona gialla, sono diversi i comuni e le province in cui gli amministratori locali hanno istituito delle zone rosse a seguito di un aumento dei contagi: l’elenco aggiornato regione per regione. 

Mini zone rosse locali

Attualmente l’Italia è così suddivisa: 

  • zona gialla: Lazio, Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, province autonome di Trento e Bolzano, Umbria, Marche, Abruzzo, Campania, Molise

  • zona arancione: Sardegna, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia

  • zona rossa: Valle d’Aosta

Tuttavia, anche all’interno delle regioni dei primi due gruppi non mancano lockdown locali volti a circoscrivere piccoli focolai, collegati nella maggior parte dei casi alle varianti, e fermare l’avanzata del virus.

Mini zone rosse locali: l’elenco regione per regione 

Questa la lista aggiornata a lunedì 3 maggio con le zone rosse istituite a livello locale nelle regioni in ordine alfabetico:

  • Abruzzo: San Pio delle Camere e Barisciano;

  • Basilicata: Balvano, Tolve, Montalbano Jonico, Abriola, Atella, Castelluccio Inferiore, Castelluccio Superiore, Castelmezzano, Filiano, Lavello, Rionero in Vulture, Craco e Garaguso;

  • Calabria: Montalto Uffugo e la frazione Paravati di Mileto; Belvedere di Spinello, in provincia di Crotone (nuova zona rossa);

  • Lazio: Bella Farnia, frazione di Sabaudia (per la presenza di 86 cittadini indiani positivi all’interno della comunità Sikh);

  • Marche: si trovano in zona arancione rafforzato Cerreto d’Esi, Montelabbate e Vallefoglia

  • Sicilia: Aci Catena, Adrano, Randazzo, Baucina, Belmonte Mezzagno, Borgetto, Caccamo, Campofiorito, Cefalù, Cinisi, Corleone (nuova zona rossa), Giardinello, Lascari, Mezzojuso, Misilmeri, Monreale, Partinico, Termini Imerese, Villabate, Villafrati, Catenanuova, Cerami, Troina, Lampedus, Linosa, Lentini, Gela, Marianopoli, Mussomeli, Fiumedinisi, Longi, Ravanusa, Santa Caterina Villarmosa, Nizza di Sicilia, Tortorici, Tusa e Serradifalco.

Mini zone rosse locali: le regole 

Nei comuni in zona rossa è vietato uscire di casa eccetto che per lavoro, salute o necessità. In quest’ultima categoria rientra la possibilità di recarsi nei negozi aperti ma anche per fare una passeggiata o per andare in un luogo di culto vicino casa.

Per quanto riguarda bar e ristoranti, dovranno rimanere chiusi ma potranno lavorare con servizio d’asporto e consegne a domicilio. L’asporto è possibile per i bar fino alle 18 e per i ristoranti fino alle 22, mentre le consegne a domicilio non hanno limiti di orario.

Come stabilito dalle ultimi decreti governativi, le scuole fino alla prima media potranno svolgere attività didattica in presenza mentre gli studenti dalla seconda media in poi dovranno seguire le lezioni da remoto.