Zuppi nominato dal Papa cardinale fece finire una guerra in Africa

San

Roma, 1 set. (askanews) - Tra i 10 cardinali di cui oggi Papa Francesco ha annunciato la nomina c'è anche l'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi, l'unico italiano. Tra le vicende biografiche di Zuppi va ricordato che negli anni Novanta ha svolto un'azione diplomatica tale da far finire una guerra pluridecennale in Africa. Si legge, in proposito, su Wikipedia: "Nel 1990 svolge insieme ad Andrea Riccardi, Jaime Pedro Gonçalves e Mario Raffaelli il ruolo di mediatore nelle trattative tra il governo del Mozambico (all'epoca controllato dai socialisti del Fronte di Liberazione del Mozambico) (Frelimo, Ndr.) e il partito di Resistência Nacional Moçambicana (Renamo, Ndr.), impegnati sin dal 1975 in una guerra civile. La mediazione condusse il 4 ottobre 1992, dopo 27 mesi di trattative, alla firma degli Accordi di pace di Roma che sancirono la fine delle ostilità. Per questi eventi Zuppi e Riccardi vengono nominati cittadini onorari del Mozambico. In seguito ha continuato ad operare con la cosiddetta "diplomazia parallela" della Comunità di Sant'Egidio".